Il Bedrocan è un tipo di cannabis terapeutica, prodotta dall’omonima azienda olandese, che lo descrive come “cannabis del tipo sativa”. Si tratta di una delle varietà prescrivibili in Italia, appartenente al gruppo di quelle con una più elevata percentuale di THC.

Nel Bedrocan, infatti, il livello di THC è standardizzato al 22%, mentre il CBD è inferiore all’1%. Secondo il sito italiano dell’azienda che produce questo tipo di cannabis terapeutica, il Bedrocan è il prodotto più ampiamente utilizzato tra quelli offerti dal Ministero olandese ed è stato il primo tipo di marijuana medica ad essere stata resa disponibile sul territorio italiano.

Quando si usa?

Come per tutte le varietà di cannabis terapeutica, in Italia il Bedrocan non può essere utilizzato come terapia principale e unica nel trattamento di alcune patologie. La sua prescrizione, invece, viene presa in considerazione in supporto alle terapie tradizionali, quando queste non si siano dimostrate efficaci o abbiano provocato effetti collaterali secondari. Se il medico lo ritenesse necessario, il Bedrocan potrebbe essere utilizzato come:

  • Analgesico in patologie che provocano spasticità associata al dolore, come la sclerosi multipla e le lesioni del midollo spinale.
  • Trattamento contro il dolorecronico.
  • Antiemetico (cioè in grado di prevenire) in nausea e vomito causati dalle terapie antitumorali come radioterapia e chemioterapia.
  • Stimolante dell’appetito in persone affette da cachessia, anoressia o in pazienti oncologici, che hanno sperimentato una perdita di appetito.
  • Trattamento del glaucoma resistente alle terapie tradizionali.
  • Farmaco in grado di ridurre i movimentiinvolontari associati alla sindrome di Gilles de la Tourette.

Numerose ricerche sono in corso per indagare le altre possibili applicazioni della cannabis terapeutica. Alcune evidenze sono già state trovate per il trattamento di alcuni tipi di tumori, delle infiammazioni intestinali, dell’Alzheimer e del Parkinson, dell’epilessia e dei dolori legati all’artrite reumatoide.

Chi può prescriverlo?

Il Bedrocan, così come altre varietà di cannabis terapeutica disponibili in Italia, può essere prescritto da un medico che valuterà l'effettivo bisogno del paziente ad accedere a questo tipo di terapia, individuando la varietà e la quantità necessaria di cannabis da assumere.

Il medico può prescrivere il Bedrocan con ricetta medica non ripetibile, che è personale e non cedibile e che deve essere rinnovata di volta in volta. Chi prescrive il medicinale deve anche tener conto dell’eventuale presenza di comorbidità, interazioni con altri farmaci e particolari condizioni del paziente.

Anche da Clinn, c’è la possibilità di rivolgersi a dottori specialisti, tra i maggiori esperti italiani di cannabis medica e specializzati nell’uso di cannabinoidi per scopi terapeutici. Qui puoi trovare il medico Clinn più vicino a te.

Prenota